Laurea in Culture e tecniche della moda

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8772
Classe di corso L-3 - DISCIPLINE DELLE ARTI FIGURATIVE, DELLA MUSICA, DELLO SPETTACOLO E DELLA MODA
Anni Attivi I, II, III
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Sede didattica Rimini
Coordinatore del corso Federica Muzzarelli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di laurea prepara gli studenti ad affrontare soprattutto sul piano teorico ma anche fornendo loro una prima dotazione pratica le principali questioni poste oggi dal settore della Moda. Trattandosi di un campo di vaste proporzioni e dalle molteplici implicazioni serve preparare gli studenti a problematiche non solo culturali ma anche tecnologiche e produttive e serve stimolare in loro la creatività come atteggiamento e come capacità da applicare nell'ambito della moda e del design. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti l'abbecedario di base per affrontare le questioni proprie al campo della moda ma anche precisi strumenti che saranno loro utili per approfondire le conoscenze di volta in volta più opportune. Il ricco ventaglio di materie proposte consentirà agli studenti di disporre di elementi conoscitivi che saranno in grado ai autoaffinare ed ampliare attingendo a molti e diversi campi di sapere giacché molte e diverse sono le attività implicate dal mondo della moda. In questo mondo potranno essere impiegati nello svolgimento di attività professionali in ambiti diversi occupandosi di comunicazione della moda come di archiviazione e di valorizzazione dei prodotti di moda ma anche di organizzazione di eventi. Gli impieghi previsti e per i quali vengono preparati da questo corso di studi riguardano la assistenza alla produzione e alla distribuzione ma anche la programmazione, lo sviluppo e la presentazione dei prodotto di moda.
Il corso combina specifiche competenze con una buona preparazione umanistica generale e fornisce gli strumenti di base necessari per comunicare nelle forme tradizionali ed in quelle più moderne i frutti delle loro conoscenze.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: STORICO E CRITICO - LETTERARIO E ARTISTICO
Il laureato:
- possiede buone conoscenze metodologiche di letteratura, storia, estetica e arti visive;
- conosce i principali processi di sviluppo della storia e della critica del costume e del fenomeno moda con riferimento alle trasformazioni degli stili da un punto di vista storico, letterario e critico, sia negli aspetti teorici che in quelli tecnico/operativi del settore.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, previsti dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO: TECNICHE DELLA MODA E DELLE PRODUZIONI ARTISTICHE
Il laureato:
- ha conoscenze sugli aspetti culturali delle relazioni tra cultura materiale e visuale, sui nessi tra ideazione, produzione e consumo della moda nei suoi mutamenti estetici e culturali;
- possiede un'adeguata conoscenza storico-critica dei meccanismi caratterizzanti la cultura visuale contemporanea, con particolare riferimento agli intrecci e gli sviluppi paralleli tra il panorama delle arti visive e il sistema moda.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, previsti dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO: SOCIALE E COMUNICATIVO
Il laureato
- possiede conoscenze di base relative all'organizzazione della filiera produttiva del settore moda;
- conosce il processo creativo e le strategie di comunicazione con riferimento al settore moda (campagne pubblicitarie, elementi di marketing e merchandising).

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, previsti dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: STORICO E CRITICO - LETTERARIO E ARTISTICO
Il laureato:
- è in grado di analizzare con padronanza metodologica i testi letterari e le produzioni visive rappresentative di periodi storici e movimenti artistici;
- è in grado di contestualizzare documenti e oggetti del costume e della moda e riconoscere i tratti caratterizzanti dello stile nelle varie epoche;
- è in grado di indagare sul piano storico-critico processi creativi e culturali.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO: TECNICHE DELLA MODA E DELLE PRODUZIONI ARTISTICHE
Il laureato
- è in grado di riconoscere i momenti più significativi della filiera di produzione della moda, dalla fase di ideazione del prodotto alla sua realizzazione, dal processo logistico-produttivo a quello commerciale-distributivo.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO: SOCIALE E COMUNICATIVO
Il laureato
- è in grado di inquadrare le attività aziendali in funzione delle connessioni e delle interdipendenze con gli altri attori della filiera produttiva del settore moda;
- è in grado di leggere e tradurre strategie comunicative.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato:
- sa analizzare casi e situazioni riferiti al sistema della moda e al suo funzionamento e possiede gli strumenti cognitivi idonei per cogliere le relazioni fra un'attività produttiva nel settore moda e il contesto territoriale di riferimento (locale, de-localizzato e internazionale), fra gli oggetti della moda e le loro valenze culturali;
- è' in grado di dare operatività alle strategie elaborate lavorando con i team di progettazione e nei settori del design della moda e del visual merchandising.

L'autonomia di giudizio nello studente viene sviluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, forme di impegno laboratoriale, esperienza di tirocinio, preparazione di
elaborati, nonché durante l'attività assegnata in preparazione alla prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato:
- è in grado di comporre un testo efficace e documentato relativo al settore moda e di predisporre documenti del settore (scritti e visuali;
- è in grado di comunicare in piena rispondenza ai contesti e agli interlocutori con cui si relaziona - in lingua italiana e almeno in un'altra lingua dell'Unione Europea (almeno livello B1). Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato:
- sa auto-formarsi e relazionarsi ed interagire con interlocutori eterogenei, in differenti linguaggi e differenti contesti, utilizzando la parola, la scrittura e le immagini;
- conosce il contesto italiano della moda e del gusto e sa rapportarlo con altri contesti e altri settori;
- è in grado di relazionarsi e di interagire in autonomia di giudizio con i processi ideativi e produttivi del design di moda.

La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il
superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e nell'attività svolta in vista della prova finale.

Attività tirocinio

Lo studente, inserendo nel piano di studio del III anno l'attività formativa di Tirocinio (12 cfu), potrà fare un'esperienza professionale della durata di 300 ore presso Enti, Istituzioni e Aziende convenzionati con l'Ateneo.
Il corso di studio, su richiesta dello studente, può consentire, con le procedure stabilite dal Regolamento generale d'Ateneo per lo svolgimento dei tirocini o dai programmi internazionali di mobilità di tirocinio, e in conformità alle norme comunitarie, lo svolgimento di un tirocinio finalizzato allo svolgimento della prova finale, o comunque collegato a un progetto formativo mirato ad affinare il suo processo di apprendimento e formazione.
Tali esperienze formative, che non dovranno superare la durata di 3 mesi, dovranno concludersi entro la data del conseguimento del titolo di studio, potranno essere svolte prevedendo l'attribuzione di crediti formati:

  • nell'ambito di quelli attribuiti alla prova finale,
  • per attività a scelta dello studente configurabili anche come tirocinio;
  • per attività aggiuntive i cui crediti risultino oltre il numero previsto per conseguimento del titolo di studio.


Informazioni sui tirocini

Prova finale


Per il conseguimento della Laurea lo studente deve superare una prova finale diretta alla verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi del Corso di Studio.
La prova finale della Laurea verrà assegnata di norma in una disciplina che sia stata inserita dallo studente nel piano degli studi; eventuali deroghe dovranno essere concesse dal Corso di Laurea.
Il relatore della prova finale è o il responsabile didattico della disciplina o il docente con cui si è sostenuto l'esame della disciplina stessa.
La prova finale può essere presentata su supporto di tipo cartaceo, informatico, audiovisivo, multimediale od altro.
Nel caso in cui la prova preveda un testo scritto, questo sarà compreso tra un minimo di 60.000 e un massimo di 100.000 caratteri, spazi inclusi.
La realizzazione dell'elaborato è volta a mettere in evidenza la capacità dello studente di organizzare e svolgere autonomamente una ricerca sulla base delle conoscenze e delle competenze acquisite nel percorso formativo.
La prova finale della Laurea viene valutata da un'apposita Commissione, formata e nominata secondo quanto disposto dal Regolamento didattico di Ateneo, che attribuisce il voto di laurea, tenendo conto della valutazione dell'elaborato e del curriculum degli studi del candidato.
L'esito della prova finale sarà reso disponibile sul portale di Ateneo.
Il Corso di laurea interviene, se necessario, affinché l'attribuzione e la responsabilità delle relazioni finali siano ripartite equamente tra i docenti, per i quali esse costituiscono un dovere istituzionali.
Per l'ammissione alla prova finale lo studente deve aver conseguito tutti i crediti formativi previsti dall'ordinamento didattico del corso ad eccezione di quelli riservati alla prova finale.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di secondo ciclo (laurea specialistica/magistrale) e master universitario di primo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Comunicatore del settore moda

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- collabora alla realizzazione di servizi giornalistici e rubriche in periodici del settore;
- svolge attività redazionali in genere;
- redige materiale informativo aziendale;
- collabora alle attività di pubbliche relazioni di aziende del settore;
- collabora all'ideazione pubblicitaria;
- partecipa alla elaborazione delle strategie per la distribuzione e il display dei prodotti;
- collabora con gli uffici di progettazione degli spazi e visual merchandising.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità di scrittura e conoscenza di tecniche redazionali e di comunicazione dimestichezza con strumenti informatici
- familiarità con tecniche di ricerca anche su internet e consultazione di database
- capacità di applicare metodologie di indagine
- capacità di fare un'adeguata cernita d'informazioni vagliandole attentamente e verificandone l'effettiva autenticità e accuratezza
- capacità di coordinarsi con un team di lavoro
- buona capacità di gestione e organizzazione dei tempi.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- aziende industriali e commerciali del settore moda (settore marketing e comunicazione, servizi per la distribuzione e punti vendita e uffici stampa)
- aziende editoriali specializzate
- archivi e centri di documentazione
- agenzie pubblicitarie.


PROFILO PROFESSIONALE:
Assistente Archivista di moda

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- assiste l'organizzazione della conservazione corrente di prodotti di moda occupandosi di individuare, recuperare e classificare documenti e materiali.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità di riconoscere gli oggetti di moda come materiale di studio e di ricerca
- buone capacità di organizzazione e analisi
- capacità di individuare criteri per catalogare e classificare
- capacità di mettere in atto strategie comunicative.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- istituzioni
- fiere
- aziende private con interesse alla documentazione e alla valorizzazione dei prodotti di moda.




PROFILO PROFESSIONALE:
Operatore della moda

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- assiste il team della collezione nello sviluppo dei modelli e si interfaccia con gli uffici stile;
- collabora alle attività di progettazione e sviluppo delle collezioni;
- collabora alla programmazione della collezione, predisponendo le varianti e interpretando così i bisogni delle varie fasce di clienti.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità organizzative e progettuali
- iniziativa personale e capacità di definizione e esposizione di proposte
- capacità di riconoscere e interpretare le tendenze
- capacità di individuare e selezionare proposte culturali legate a bisogni particolari di utenze
- capacità di coordinarsi con un team di lavoro

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
aziende industriali, commerciali e di distribuzione del settore moda, studi di design.


PROFILO PROFESSIONALE:
Organizzatore di eventi di moda e industria culturale

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- assiste alla predisposizione della regia degli eventi e alla decisione delle coreografie e degli aspetti visivi, insieme ai fotografi e ai tecnici delle luci e del suono;
- collabora alla cura degli aspetti logistici, allestitivi, organizzativi e di comunicazione dell'immagine;
- organizza e gestisce attività e progetti speciali in ambito socio-culturale, relazionandosi all'interno di gruppi di lavoro interdisciplinari e con competenze professionali diverse

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità organizzative, di gestione dei tempi e progettuali
- iniziativa personale e capacità di definizione e esposizione di proposte
- capacità di relazionarsi con diverse tipologie di utenza
- capacità di individuare e selezionare proposte culturali legate a bisogni particolari di utenze specifiche
- creatività e abilità nella progettazione di scenari e suggestioni visive

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- aziende industriali, commerciali e di distribuzione del settore moda
- presso fiere ed aziende specializzate nell'organizzazione di eventi
- presso agenzie pubblicitarie.


Parere delle parti sociali

In data 9 novembre 2012, alle ore 14.00 presso la sala riunioni della sede Valgimigli (via Santa Chiara 40, Rimini) i professori Fabriano Fabbri, Giovanni Matteucci e Federica Muzzarelli si sono riuniti per analizzare e discutere gli esiti dei questionari sottoposti alla parti sociali e concernenti il nuovo ordinamento previsto per il Corso di Laurea in Culture e tecniche della Moda, Scuola di Lettere e Beni Culturali, Università di Bologna, dall’anno accademico 2013-2014.
I referenti scelti per la consultazione sono responsabili di aziende del settore moda (quali Gilmar, Aeffe, Fuzzi, Jo No Fui), e associazioni di categoria del territorio (quali CNA, Confartigianato e Confindustria).
La lettura delle risposte fornite nei questionari viene ritenuta nel complesso soddisfacente in quanto la maggior parte di esse indica che gli obiettivi del corso di studi, le figure professionali che si preparano, le competenze, le conoscenze e le abilità maturate dagli studenti lungo il percorso di formazione universitaria vanno incontro alle esigenze del mercato e al loro potenziale inserimento nelle aziende del settore.
I documenti allegati agli atti sono i questionari e il verbale completo.

Contatti e recapiti utili

Consulta la pagina " Info e contatti" del sito del Corso di studio