Laurea Magistrale in Scienze filosofiche

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8773
Classe di corso LM-78 - SCIENZE FILOSOFICHE
Anni Attivi I, II
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
Sede didattica Bologna
Tipologia di corso Titolo multiplo
Atenei Convenzionati UNIVERSITAT BIELEFELD , UNIVERSITÉ DE BOURGOGNE , JOHANNES GUTENBERG-UNIVERSITÄT MAINZ
Coordinatore del corso Riccardo Caporali
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione


Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Scienze filosofiche occorre essere in possesso di requisiti curriculari e il superamento di una verifica dell’adeguatezza della personale preparazione.

Requisiti curriculari
Occorre essere in possesso di una laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in una delle classi determinate nel regolamento didattico del corso di studio.
Avere acquisito, altresì, i CFU nei settori scientifico-disciplinari indicati nei requisiti per l'accesso al corso definiti nel regolamento didattico di corso di studio.

Verifica dell’adeguatezza della personale preparazione
L’ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata al superamento di una verifica dell'adeguatezza della personale preparazione che avverrà secondo le modalità definite nel regolamento didattico del corso di studio.



Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

La laurea magistrale in Scienze Filosofiche intende assicurare una conoscenza avanzata delle principali metodologie di analisi storico-critica dei testi filosofici, con riferimento ai concetti fondamentali, alle forme dell'argomentazione, ai linguaggi particolari, nonché alle teorie e ai modelli interpretativi in uso nei diversi ambiti, generali e settoriali, della filosofia.

A tal fine il corso prevede una scelta guidata tra insegnamenti appartenenti ai raggruppamenti disciplinari indicati nella tabella ministeriale tra quelli caratterizzanti, nella fattispecie Filosofia Teoretica, Filosofia del Linguaggio, Logica e Filosofia della scienza, Filosofia Morale, Estetica, Storia della Filosofia, Storia della Scienza e discipline scientifiche.

La presenza di crediti liberi, distribuiti nell'arco dei due anni, consente agli studenti di modellare il proprio percorso di studi in relazione sia a particolari interessi disciplinari sia a opzioni professionali future. In questo modo si possono approfondire conoscenze in specifici settori filosofici o indirizzarsi ad altre acquisizioni culturali sì da meglio definire il profilo professionale che si intende valorizzare. Tali approfondimenti possono prevedere studi di carattere interdisciplinare: epistemologico-scientifico, morale-giuridico, estetico-artistico, storico-letterario.

Il corso di laurea intende inoltre favorire una conoscenza di una ulteriore lingua straniera dell’Unione Europea oltre l’italiano.
Il secondo anno del corso magistrale prevede in particolare il tirocinio che offre allo studente un'occasione per entrare in contatto con il mondo del lavoro.

L'acquisizione della capacità critica, lo sviluppo delle abilità comunicative e della capacità di valutazione autonoma vengono considerati essenziali al completamento della formazione scientifica dello studente.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO STORICA-FILOSOFICA
Il laureato magistrale
- possiede una conoscenza approfondita delle principali espressioni del pensiero filosofico relative a diversi periodi storico-culturali;
- possiede una conoscenza approfondita degli autori fondamentali, dei linguaggi, nonché delle teorie e dei modelli interpretativi, attinenti alle scienze filosofiche.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, come previsto dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO TEMATICO-FILOSOFICA
Il laureato magistrale
- possiede una conoscenza approfondita dei principali temi dell'indagine filosofica relativa a uno o più ambiti tematici.
- è in grado di orientarsi in modo critico tra le coordinate concettuali connesse a diversi temi filosofici, individuando in autonomia percorsi di analisi.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, come previsto dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO METODOLOGICA
Il laureato magistrale
- è in grado di comprendere le connessioni teoriche e sa riconoscere nessi e intersezioni tra filosofia e altre discipline (quali le scienze, le scienze sociali e le scienze del linguaggio e della comunicazione) in diversi momenti storici e socio-culturali
- è in grado di integrare lo studio filosofico con ulteriori contenuti disciplinari trasversali e/o competenze professionali, attraverso l'approccio di discipline complementari e affini.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, seminari, e/o attraverso le ore di studio individuale, come previsto dalle attività formative attivate.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO STORICA-FILOSOFICA
Il laureato magistrale
- possiede un'adeguata capacità di inquadrare i principali snodi del pensiero filosofico nel contesto storico-culturale in cui si sviluppano;
- è in grado di svolgere in autonomia l'analisi anche di tipo filologico e comparativo di testi e autori fondamentali della disciplina filosofica in prospettiva sia diacronica che sincronica, attraverso la ricerca e l'utilizzo di fonti pertinenti.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO TEMATICO-FILOSOFICA
il laureato magistrale
- sa utilizzare con padronanza le principali metodologie di analisi storico-critica e argomentativa attinenti alle scienze filosofiche e applicarle a diverse tematiche
- dall'analisi di testi è in grado di riconoscere e definire i nuclei tematici e definire in modo critico i principali problemi trattati relativamente a settori specifici.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).

AREA DI APPRENDIMENTO METODOLOGICA
Il laureato magistrale
- sa applicare le competenze di tipo analitico e metodologico acquisite con lo studio filosofico alla lettura, analisi e comprensione di testi complessi, anche non filosofici con un approccio interdisciplinare
- sa organizzare contenuti relativi a campi non strettamente pertinenti alle scienze filosofiche in modo coerente (ad esempio all'interno di bibliografie tematiche), oltre che originale e, se necessario, creativo
- è in grado di analizzare, inquadrare e formalizzare temi e problemi di ordine storico, teorico e culturale anche in ambiti affini con il campo delle ricerche filosofiche.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione avviene principalmente attraverso prove d'esame e/o prove di verifica intermedie (esami orali e/o scritti, test, esposizioni orali).


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale
- sa riconoscere le proiezioni di motivi e temi del pensiero filosofico antico, moderno e contemporaneo nei dibattiti culturali attuali, ed è in grado di procedere anche in chiave retrospettiva, dall'attualità verso temi e problemi di lungo corso
- possiede un approccio critico-metodologico utile alla costruzione di mappe concettuali per l'analisi e valutazione di soluzioni a problemi di natura teorica o pratica anche in contesti professionali
- possiede una buona capacità di raccolta, selezione, organizzazione logica e esposizione ordinata di dati e informazioni documentali complesse, finalizzate alla formulazione autonoma di conclusioni e opinioni
- è in rado di analizzare criticamente fonti diverse.
L'autonomia di giudizio nello studente viene SViluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari, esperienza di tirocinio, preparazione di elaborati propedeutici alla prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale
-possiede capacità logiche e tecniche argomentative necessarie all'esposizione articolata di ragionamenti e analisi
-sa argomentare in modo efficace, utilizzando registri e apparati terminologici diversi a seconda del contesto e dell'interlocutore
-sa elaborare testi scritti, anche complessi e articolati, utilizzando tecniche redazionali ed espositive efficaci e gli strumenti informatici di video scrittura adeguati
-sa utilizzare oltre alla lingua italiana anche una ulteriore lingua straniera dell’Unione Europea. Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.
Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale
- è in grado di proseguire con autonomia l'approfondimento di contenuti
disciplinari specialistici, selezionando materiale documentario in modo autonomo e orientandosi all'interno della produzione scientifica
- è in grado di utilizzare le capacità maturate durante il corso di studio, sul piano culturale e sul piano critico-metodologico, in contesti di auto-formazione e acquisizione di competenze professionali sciecifiche.
La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individauli e/o di gruppo e all'attività svolta in vista della prova finale.

Insegnamenti

Gli insegnamenti sono articolati a seconda del curriculum scelto

Attività tirocinio

Il Tirocinio (6 cfu) previsto dal Piano didattico del Corso di laurea magistrale permette allo studente di fare un'esperienza professionale della durata di 150 ore presso Enti, Istituzioni e Aziende convenzionati con l'Ateneo.

Il corso di studio, su richiesta dello studente, può consentire, con le procedure stabilite dal Regolamento generale d'Ateneo per lo svolgimento dei tirocini o dai programmi internazionali di mobilità di tirocinio, e in conformità alle norme comunitarie, lo svolgimento di un tirocinio finalizzato allo svolgimento della tesi di laurea, o comunque collegato a un progetto formativo mirato ad affinare il suo processo di apprendimento e formazione.

Tali esperienze formative, che non dovranno superare la durata di 6 mesi, dovranno concludersi entro la data del conseguimento del titolo di studio, potranno essere svolte prevedendo l'attribuzione di crediti formati:

  • nell'ambito di quelli attribuiti alla prova finale,
  • per attività a scelta dello studente configurabili anche come tirocinio;
  • per attività aggiuntive i cui crediti risultino oltre il numero previsto per conseguimento del titolo di studio.

Mobilità internazionale

I programmi di mobilità destinati agli studenti promossi dall'Ateneo di Bologna in collaborazione con Atenei dell'Unione Europea e di alcuni paesi non compresi nella Unione Europea offrono l'opportunità di svolgere un periodo di studio o di tirocinio all'estero .
Consulta le informazioni sulle opportunità all'estero

L'Università di Bologna concede ai propri studenti borse di studio per effettuare un periodo di studio all'estero e preparare la tesi di laurea, o per approfondimenti successivi finalizzati alla pubblicazione di un articolo riguardante l'argomento della tesi.

Prova finale


Per il conseguimento della Laurea magistrale, lo studente deve superare una prova finale che consiste nella redazione di una tesi scritta, eventualmente corredata da supporti tecnologici, elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. La tesi deve essere discussa pubblicamente nel corso della seduta di un'apposita Commissione, formata e nominata secondo quanto disposto dal Regolamento Didattico di Ateneo. La Commissione in via preliminare dovrà deliberare sull'ammissibilità del candidato alla prova finale.
La prova finale della Laurea magistrale verrà assegnata in una disciplina scelta dallo studente tra quelle per le quali ha sostenuto l'esame.
Il relatore della prova finale è o il responsabile didattico della disciplina nell'anno accademico in cui ci si laurea oppure il docente con cui si è sostenuto l'esame della disciplina stessa durante il percorso di studi magistrale.
Della commissione di discussione della tesi fa parte non solo il relatore, ma anche un correlatore. Il relatore e/o il correlatore deve essere un docente del corso di studio.
Ove la disciplina nella quale si redige la tesi non appartenga a nessun settore filosofico (M-FIL/01, M-FIL/02, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/05, M-FIL/06, MFIL/07, M- FIL/08, M-STO/05, M-PSI/01, IUS/20), il correlatore deve obbligatoriamente essere scelto tra i docenti di uno di questi settori.
Qualora la tesi lo richieda, è prevista la figura di un secondo correlatore, che può essere anche un docente esterno al corso di studi.


Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Funzionario/consulente presso istituzioni culturali

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
-con livelli di autonomia rapportati all'esperienza, organizza e gestisce attività e progetti speciali in ambito socio-culturale, relazionandosi all'interno di gruppi di lavoro interdisciplinari e con competenze professionali diverse;
-partecipa con livelli di autonomia rapportati all'esperienza, al coordinamento e alla programmazione di attività, progetti e corsi di formazione finalizzati alla divulgazione culturale, scientifica e di temi di attualità;
-cura la realizzazione di attività di informazione e formazione riferita a problemi di attualità anche per un pubblico non specialista collaborando
alla selezione e definizione del materiale formativo e divulgativo.

La formazione culturale e critico-metodologica del laureato magistrale in Scienze filosofiche è adeguata sia all'approfondimento specialistico disciplinare, sia all'attività professionale in ambiti che prevedano l'elaborazione, la programmazione e la divulgazione di contenuti culturali, nonché in quelli finalizzati a particolari compiti presso enti pubblici e privati: per esempio, nella selezione e nella valutazione delle risorse umane. Per lo svolgimento con maggiore autonomia e maggiori livelli di responsabilità di alcune funzioni relative a questi ultimi ambiti professionali, la laurea magistrale in Scienze filosofiche risulta efficacemente propedeutica ad ulteriori competenze, acquisibili mediante tirocini elo corsi professionalizzanti post-Iaurea. I laureati sono in grado di intraprendere questi percorsi anche grazie alle conoscenze culturali, le capacità critico-metodologiche, e le capacità di approfondimento e di apprendimento sviluppate durante il corso di studi previsto dalla laurea magistrale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
-capacità organizzative e progettuali
-iniziativa personale e capacità di definizione e esposizione di proposte
-capacità di relazionarsi con diverse tipologie di utenza
-capacità di stabilire relazioni e di costruire una rete di
contatti
-capacità di individuare e selezionare proposte culturali legate a bisogni particolari di utenze specifiche
-propensione ad affrontare nuove tematiche e ad arricchire il proprio bagaglio
di conoscenze
-capacità di coordinarsi con un team di lavoro

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- biblioteche
- musei
- enti e associazioni culturali
- enti locali
- fondazioni


PROFILO PROFESSIONALE:
Redattore e autore di testi divulgativi

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
-reperisce e organizza informazioni su argomenti specifici, anche attraverso ricerche in rete (sintesi e elaborazione del materiale acquisito)
-elabora e revisiona contenuti testuali originali o preesistenti
-realizza attività di editing per uniformarne il linguaggio e lo stile e per verificarne la coerenza dei contenuti anche rispetto ai destinatari
- cura l'organizzazione formale del testo (struttura, suddivisione capitoli, titoli, indice, ecc.) o dell'articolo, in modo da renderli conformi e coerenti con scelte di presentazione anche multimediali

La formazione culturale e critico-metodologica del laureato magistrale in Scienze filosofiche è adeguata sia all'approfondimento specialistico disciplinare, sia all'attività professionale in ambiti che prevedano l'elaborazione, la programmazione e la divulgazione di contenuti culturali, nonché in quelli finalizzati a particolari compiti presso enti pubblici e privati: per esempio, nella selezione e nella valutazione delle risorse umane. Per lo svolgimento con maggiore autonomia e maggiori livelli di responsabilità di alcune funzioni relative a questi ultimi ambiti professionali, la laurea magistrale in Scienze filosofiche risulta efficacemente propedeutica ad ulteriori competenze, acquisibili mediante tirocini elo corsi professionalizzanti post-Iaurea. I laureati sono in grado di intraprendere questi percorsi anche grazie allé conoscenze culturali, le capacità critico-metodologiche, e le capacità di approfondimento e di apprendimento sviluppate durante il corso di studi previsto dalla laurea magistrale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità di scrittura e conoscenza di tecniche redazionali e di comunicazione
- dimestichezza con strumenti informatici
- familiarità con tecniche di ricerca anche su internet e consultazione di data base
-capacità di applicare metodologie di indagine
-capacità di fare un'adeguata cernita di gran quantità di informazioni vagliandole attentamente e verificandone l'effettiva autenticità e accuratezza nella presentazione dei risultati della ricerca
-propensione ad affrontare nuove tematiche ead arricchire il proprio bagaglio di conoscenze
-coordinarsi con un team di lavoro
-buona capacità di gestione e organizzazione dei tempi

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- sedi di giornali e stampa periodica in genere,
- aziende di servizi editoriali redazioni web
- aziende specializzate in editoria elettronica,
- uffici stampa e di relazioni con il pubblico.
- case editrici.


PROFILO PROFESSIONALE:
Assistente nei servizi di gestione delle Risorse Umane

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- collabora alla definizione e gestione dei diversi canali di comunicazione dell'organizzazione, per facilitare lo scambio, il dialogo, l'integrazione e il coinvolgimento delle risorse umane, che vi operano
- collabora alle attività di ricerca, selezione e gestione del personale, in linea con gli obiettivi dell'organizzazione (definizione dei profili professionali, screening di CV, interviste)
- si occupa di attività inerenti lo sviluppo e la valorizzazione delle risorse umane impiegate in un'organizzazione
- interagisce con i settori amministrativi di gestione del personale.

La formazione culturale e critico-metodologica del laureato magistrale in Scienze filosofiche è adeguata sia all'approfondimento specialistico disciplinare, sia all'attività professionale in ambiti che prevedano l'elaborazione, la programmazione e la divulgazione di contenuti culturali, nonché in quelli finalizzati a particolari compiti presso enti pubblici e privati: per esempio, nella selezione e nella valutazione delle risorse umane. Per lo svolgimento con maggiore autonomia e maggiori livelli di responsabilità di alcune funzioni relative a questi ultimi ambiti professionali, la laurea magistrale in Scienze filosofiche risulta efficacemente propedeutica ad ulteriori competenze, acquisibili mediante tirocini elo corsi professionalizzanti post-Iaurea. I laureati sono in grado di intraprendere questi percorsi anche grazie alle conoscenze culturali, le capacità critico-metodologiche, e le capacità di approfondimento e di apprendimento sviluppate durante il corso di studi previsto dalla laurea magistrale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- capacità di acquisire e sviluppare, anche in autonomia competenze
tecnico-professionali e conoscenze specifiche
- capacità di analisi delle strutture organizzative e del loro funzionamento nonché del ruolo e delle finalità che il "fattore umano" svolge all'interno di essa
- approfondita conoscenza e capacità di utilizzare tecniche e strumenti per la comunicazione orale e scritta
- buona capacità di comunicazione interpersonale (ascolto attivo, capacità di negoziare, capacità di porre e risolvere i problemi)
- capacità di lavorare in gruppo
- capacità di analisi e di classificazione
- capacità progettuale e la creatività
- capacità d'utilizzo dei principali programmi informatici e strumenti multimediali.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- aziende di medie e grandi dimensioni e organizzazioni pubbliche e private come assistente della direzione del personale.


Parere delle parti sociali

La consultazione con le parti sociali è stata curata dal Corso di Laurea Magistrale In Scienze Filosofiche rappresentato dalla Coordinatrice, prof.ssa Corsi, dal prof. Caporali e. dalla Tutor, dr.sa Suprani. Le parti sociali consultate sono rappresentative dei profili professionali presenti negli sbocchi occupazionali previsti dal Corso di Laurea Magistrale. È stato avviato un dialogo con realtà che presentano punti di tangenza con le competenze e le abilità di cui il laureato in Scienze Filosofiche è in possesso al termine degli studi: enti culturali (associazioni di tradizione in ambito filosofico, biblioteche attente alla valorizzazione del patrimonio culturale presso la cittadinanza, master universitari rivolti alla formazione di profili professionali in netta affermazione), aziende operanti nel settore della comunicazione creativa, del commercio solidale ed ex alunni che hanno valorizzato quanto appreso durante gli studi per definire in modo efficace il proprio profilo professionale. La consultazione ha avuto avvio a maggio 2012 con incontri rivolti a docenti e studenti e si è conclusa a novembre 2012 con l'invio alle parti sociali individuate di un-questionario. Attraverso il questionario è stato proposto alle parti un confronto sia sull'efficacia del nuovo ordinamento sia sulle competenze e abilità necessarie per il ruolo professionale rappresentato. Le risposte ai questionari sono state analizzate dal gruppo di lavoro, che ha riscontrato una valutazione positiva e ha colto da più parti l'intento di proseguire il dialogo intrapreso, rivelatosi costruttivo e lungimirante. L'intera documentazione è conservata presso la Segreteria della Scuola.

Contatti e recapiti utili

Ufficio didattico

Segreteria studenti