Laurea Magistrale in Scienze storiche e orientalistiche

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8845
Classe di corso LM-84 - SCIENZE STORICHE
Anni Attivi

Curriculum Scienze storiche e orientalistiche I, II
Curriculum Studi orientali I, II
Curriculum Global cultures I

Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
Curricula Curricula: 1. Scienze storiche; 2. Studi orientali; 3. Global cultures (in lingua inglese)
Sede didattica Bologna
Tipologia di corso Solo alcuni curricula rilasciano titolo multiplo
Atenei Convenzionati UNIVERSITE’ LUMIERE LYON 2 , UNIVERSITAT BIELEFELD , UNIVERSITÉ PARIS DIDEROT - PARIS 7 , UNIWERSYTET WARSZAWSKI
Tipologia Corso con uno o più curricula internazionali
Coordinatore del corso Nicoletta Celli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano,Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Requisiti curriculari
Per frequentare il Corso di Laurea Magistrale in Scienze storiche e orientalistiche è indispensabile avere acquisito:
- una buona conoscenza generale e di orientamento rispetto a categorie, strumenti e linguaggi delle discipline storiche, nonché capacità di analisi e contestualizzazione di una o più categorie di documenti e fonti originali relativi a uno specifico tema o periodo cronologico di riferimento;
- una conoscenza critica rispettivamente della storia antica, medievale, moderna e contemporanea che consenta di orientarsi nel dibattito storiografico pertinente.
- Si deve essere inoltre in grado di comunicare in forma scritta e orale, dimostrando di saper utilizzare le fasi dell'euristica, dell'argomentazione e dell'applicazione di metodi storiografici, sui temi principali del periodo cronologico di riferimento. Si deve conoscere bene e almeno in maniera passiva una seconda lingua europea oltre l'italiano.
Per l'accesso al Corso di laurea magistrale sono richiesti i seguenti requisiti d'accesso (1) e la verifica della adeguatezza della personale preparazione (2).

(1) I requisiti d'accesso sono i seguenti:
A) avere conseguito la Laurea in una delle classi di Laurea ai sensi D.M. 270/04, del D.M.
509/99, della Legge 508/99 oppure possedere un titolo di Laurea di ordinamenti
previgenti oppure un titolo di studio equivalente anche conseguito all'estero.
B) avere acquisito 30 CFU in uno o più dei seguenti settori scientifico-disciplinari:
L-ANT/02 - Storia greca
L-ANT/03 - Storia romana
L-OR/01-Storia del vicino oriente antico
L-OR/02-Egittologia e civiltà copta
L-OR/03-Assiriologia
L-OR/04-Anatolistica
L-OR/05-Archeologia e storia dell'arte del Vicino Oriente antico
L-OR/06-Archeologia fenicio-punica
L-OR/07-Semitistica / Lingue e letterature dell'Etiopia
L-OR/08-Ebraico
L-OR/09-Lingue e letterature dell'Africa
L-OR/10-Storia dei paesi islamici
L-OR/11-Archeologia e storia dell'arte musulmana
L-OR/12-Lingua e letteratura araba
L-OR/13-Armenistica, caucasologia, mongolistica e turcologia
L-OR/14-Filologia, religioni e storia dell'Iran
L-OR/15-Lingua e letteratura persiana
L-OR/16-Archeologia e storia dell'arte dell'India e dell'Asia centrale
L-OR/17-Filosofie, religioni e storia dell'India e dell'Asia centrale
L-OR/18-Indologia e tibetologia
L-OR/19-Lingue e letterature moderne del subcontinente indiano
L-OR/20-Archeologia, storia dell'arte e filosofie dell'Asia orientale
L-OR/21-Lingue e letterature della Cina e dell'Asia sud-orientale
L-OR/22-Lingue e letterature del Giappone e della Corea
L-OR/23-Storia dell'Asia orientale e sudorientale
M-STO/01 - Storia medievale
M-STO/02 - Storia moderna
M-STO/04 - Storia contemporanea
M-STO/06 Storia delle religioni.
M-STO/07 - Storia del cristianesimo e delle chiese
SPS/02 - Storia delle dottrine politiche
SPS/03 - Storia delle istituzioni politiche
SPS/06 - Storia delle relazioni internazionali
SPS/13 - Storia e istituzioni dell'Africa
SPS/14 - Storia e istituzioni dell'Asia
Per i laureati che non possiedono i requisiti sopra indicati l'ammissione al Corso di Laurea Magistrale è subordinata alla valutazione di una Commissione che verifica, tramite esame preliminare delle certificazioni presentate ed eventuale ammissione a un successivo colloquio, il possesso delle conoscenze e delle competenze necessarie.
La Commissione, nominata dal Consiglio di Corso di magistrale fisserà un calendario, da settembre a dicembre, per la verifica delle certificazioni presentate e per lo svolgimento degli eventuali colloqui, che verrà pubblicato sul portale di Ateneo.
Qualora la Commissione ritenga sufficiente il livello delle conoscenze e competenze del laureato, esprime un giudizio di idoneità, che consente l'ammissione alla prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione.

2) La verifica dell'adeguatezza della personale preparazione è assolta qualora il laureato sia in possesso di un diploma di laurea conseguito con una votazione uguale o superiore a 90/110.
Il Corso di Laurea Magistrale potrà prevedere per gli studenti internazionali un'apposita sessione e la nomina di una Commissione per la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l'assegnazione delle borse di studio (la cui scadenza è prevista indicativamente nel mese di maggio).
Gli studenti internazionali, che abbiano ottenuto una valutazione positiva nella verifica di cui al punto precedente, sono esonerati dalla successiva prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione prevista per la generalità degli studenti.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di laurea magistrale nell'ambito dei propri curricula forma storici che, oltre ad aver acquisito piena consapevolezza dei fondamenti epistemologici della pratica storiografica, sicura padronanza del metodo storico e una conoscenza generale della storia mondiale dalle origini ad oggi, si siano specializzati in uno dei segmenti della periodizzazione della storia generale ed europea (mondo antico, medievale, moderno e contemporaneo), oppure nella storia di aree culturalmente definite dell’Asia e dell’Africa.
Tali specializzazioni trovano adeguata rispondenza nei curricula del Corso di Studi.
Gli insegnamenti impartiti nel CdS mettono innanzitutto gli studenti in condizione di acquisire a livello specialistico le conoscenze, i metodi e le pratiche degli studi storici, affinché essi siano in grado di utilizzare criticamente tutte le fonti e la storiografia relative all’epoca di specifico approfondimento.
Il Corso di studio fornisce inoltre una piena padronanza delle metodologie di lettura, analisi, euristica dei diversi tipi di materiale letterario, documentario, archivistico, iconografico, monumentale, perseguita anche attraverso l'utilizzazione delle più recenti applicazioni tecnologiche, nonché un’adeguata conoscenza delle tecniche di indagine condotte sulle fonti originali, sia individualmente sia inserite nel loro contesto globale e di trasmissione. Per i curricula relativi questo implica anche lo studio a vari livelli di almeno una lingua orientale pensata come chiave d’accesso al mondo culturale studiato. Le competenze così acquisite corrispondono alle esigenze professionali di storici che intendano specializzarsi come conservatori (archivisti, bibliotecari, curatori di musei).
Il Corso di studio dà poi particolare rilievo alla storia delle culture e delle religioni, alla storia del territorio, all’antropologia. Gli insegnamenti di queste aree, associati a quelli dell'area di apprendimento di storia generale ed europea, storia politica e storia economica, consentono l’acquisizione di prospettive, metodologie di indagine e contenuti (ad esempio storia sociale ed economica, antropologia e storia politica e delle istituzioni, studi storici e antropologici sulle religioni e sulle produzioni artistiche, storia intellettuale e delle idee) indispensabili sia per la ricerca interdisciplinare sia per la formazione professionale nei settori della comunicazione, dell’insegnamento e della divulgazione scientifica a vari livelli.
L'acquisizione della competenze informatiche e telematiche viene assicurata dalle discipline appartenenti ai SSD caratterizzanti dell'ambito disciplinare: Fonti, metodologie, tecniche e strumenti della ricerca storica.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: STORIA GENERALE ED EUROPEA, STORIA POLITICA, STORIA ECONOMICA
Il laureato magistrale:
- possiede una conoscenza critica, dettagliata e approfondita di un ampio periodo storico, delle specifiche linee di sviluppo, del dibattito storiografico e dei diversi approcci metodologici e tematici relativi al periodo prescelto
- possiede una conoscenza critica dei concetti di periodizzazione e di definizione spaziale per l'analisi dei processi di passaggio e di cambiamento, di continuità e di interazione fra culture
- conosce e sa valutare l'apporto di discipline storiche tematicamente definite, segnatamente nell'ambito della storia politica e della storia economica.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente sia con la partecipazione a lezioni frontali e seminari, sia attraverso le ore di studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, test.

AREA DI APPRENDIMENTO: METODOLOGIE, STRUMENTI, APPLICAZIONI
Il laureato magistrale:
- conosce i problemi metodologici e pratici relativi all'utilizzo delle
diverse fonti storiche, ai loro diversi supporti materiali, alla loro
classificazione e conservazione.
- conosce le tecniche di euristica, edizione ed analisi delle fonti di
carattere testuale, iconografico e materiale, e sa condurre analisi
comparate di tipologie documentali diverse-
- conosce e utilizza gli strumenti informatici relativi agli ambiti di competenza. Tali abilità sono acquisite e verificate nell'ambito delle discipline appartenenti ai SSD caratterizzanti dell'ambito disciplinare: Fonti, metodologie, tecniche e strumenti della ricerca storica.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente sia con la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, laboratori, seminari, sia attraverso le ore di studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, test.

AREA DI APPRENDIMENTO: STORIA DELLE MENTALITÀ, DELLE AREE E DEL TERRITORIO
Il laureato magistrale:
- ha padronanza di metodologie di indagine e contenuti di carattere intrinsecamente interdisciplinare.
- conosce e sa valutare le relazioni e le connessioni degli studi storici con le altre scienze umane
- ha una comprensione profonda della rilevanza per l'indagine storica degli studi storico-culturali, delle mentalità, delle aree, e delle discipline del territorio.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente sia con la partecipazione a lezioni frontali e seminari, sia attraverso le ore di studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, test.

AREA DI APPRENDIMENTO: CULTURE, LINGUE, RELIGIONI
Il laureato magistrale:
- dispone di una conoscenza di livello superiore della storia, della storia intellettuale, culturale, artistica, letteraria. storico-religiosa.
- sa utilizzare una lingua dell'area prescelta (antica o moderna, a seconda delle scelte individuali) come chiave d'accesso al mondo culturale studiato.

Le suddette conoscenze e capacità di comprensione sono conseguite dallo studente sia con la partecipazione a lezioni frontali e seminari, sia attraverso le ore di studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, test.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: STORIA GENERALE ED EUROPEA, STORIA POLITICA, STORIA ECONOMICA
Il laureato magistrale:
- sa valutare la rilevanza di un problema di ricerca per il dibattito e la conoscenza storica e sa identificare le fonti di informazione necessarie per affrontarlo, anche con consapevolezza delle conseguenze della indisponibilità dei dati
- sa raccogliere, catalogare, commentare, utilizzare in modo appropriato, nella risoluzione di problemi della ricerca storica, le fonti storiche originali per almeno una delle epoche della tradizionale periodizzazione.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle suddette capacità avviene principalmente attraverso prove d'esame scritte e/o orali.

AREA DI APPRENDIMENTO: METODOLOGIE, STRUMENTI, APPLICAZIONI
Il laureato magistrale:
- sa utilizzare e applicare gli strumenti, anche tecnologicamente avanzati,
della ricerca bibliografica e dell'archivistica, della redazione di raccolte e
corpora.
- sa analizzare e classificare i manufatti artistici e della cultura materiale
di un periodo storico o di un'area storico-culturale, e sa valutarne
l'importanza ai fini della ricerca storica.
- sa applicare le abilità informatiche acquisite nell'ambito delle discipline appartenenti ai SSD caratterizzanti dell'ambito disciplinare: Fonti, metodologie, tecniche e strumenti della ricerca storica.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle suddette capacità avviene principalmente attraverso prove d'esame scritte e/o orali.

AREA DI APPRENDIMENTO: STORIA DELLE MENTALITÀ, DELLE AREE E DEL TERRITORIO
Il laureato magistrale:
- sa lavorare in contesti interdisciplinari
- sa utilizzare anche a scopi professionali (comunicazione, didattica, divulgazione, conservazione) saperi diversi riguardanti le mentalità, la società, il territorio.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle suddette capacità avviene principalmente attraverso prove d'esame scritte e/o orali.

AREA DI APPRENDIMENTO: CULTURE, LINGUE, RELIGIONI
Il laureato magistrale:
- sa vagliare criticamente le informazioni relative alla cultura da lui studiata, soprattutto sotto il profilo storico;
- sa utilizzare la bibliografia scientifica (anche in lingua originale) riguardante l'area studiata;
- è in grado di applicare le sue cognizioni in campo redazionale- editoriale;
- è in grado di offrire la sua competenza nella mediazione interculturale;
- è in grado di collaborare proficuamente con una cooperativa archeologica o con un'équipe archeologica;
- sa riconoscere e classificare i prodotti letterari o storico-artistici provenienti dall'area di sua competenza.

Il raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sopraelencate avviene tramite la riflessione critica su testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula.
La verifica del raggiungimento delle suddette capacità avviene principalmente attraverso prove d'esame scritte e/o orali.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- sa riconoscere la rilevanza della memoria storica nella cultura contemporanea e del ruolo dello storico nel favorire un approccio critico e scientifico; sa interpretare e vagliare i dati relativi all'area storico-geografica di sua elezione formulando giudizi scientificamente validi in campo storico, filosofico, letterario, storicoartistico.
- è in grado di operare in modo consapevole nella produzione di contenuti di qualità fruibili attraverso i molteplici canali di diffusione e divulgazione della scienza e della cultura;
- è in grado di valutare le implicazioni connaturate ai diversi mezzi di comunicazione, divulgazione e didattica;
- ha capacità di avvicinare criticamente testi e dati e di valutare la loro diversa incidenza nel discorso storiografico;
- sa individuare il contributo specifico che le scienze storiche possono apportare nell'affrontare temi e problemi di interesse per la collettività.

L'autonomia di giudizio nello studente viene sviluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, esperienza di tirocinio, preparazione di elaborati, nonché durante l'attività assegnata in preparazione alla prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- sa comunicare in forma scritta e orale utilizzando i diversi modelli e i diversi registri di comunicazione delle discipline storiche, comprese le tecniche didattiche e di divulgazione, appropriate al contesto e al pubblico destinatario del messaggio tutelando la qualità scientifica dell'informazione storica;
- è in grado di relazionarsi in contesti culturali eterogenei e di valorizzare criticamente diverse culture;
- è in grado di dare forma narrativa ai risultati della ricerca documentando in modo accurato e completo le informazioni su cui basa le proprie conclusioni, dando conto in modo critico delle metodologie e degli approcci storiografici utilizzati.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni, e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:
- possiede abilità informatiche ed è in grado di usare le tecniche e i linguaggi specifici delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione per elaborare, catalogare, rendere fruibili fonti, metadati, risultati della ricerca scientifica rilevanti per le discipline studiate;
- è in grado di valutare le implicazioni connaturate ai diversi mezzi di comunicazione, divulgazione e didattica. Tali abilità sono acquisite e verificate nell'ambito delle singole discipline;
- è in grado di aggiornare le proprie conoscenze e metodologie di indagine attraverso occasioni di confronto e di apprendimento adeguati rispetto alle proprie capacità ed inclinazioni, attraverso gli strumenti messi a punto dalla comunità scientifica, utilizzando risorse multimediali e consultando autonomamente testi storiografici in lingue originali oltre l'Italiano;
- è consapevole del valore della comunicazione tra diverse discipline e sa individuare il contributo specifico che le scienze storiche possono apportare nei diversi contesti.
- è in grado di individuare le occasioni di confronto e di apprendimento più adeguati rispetto alle proprie capacità ed inclinazioni ripreso;
- possiede rigore metodologico e spirito di autocritica, capacità di analisi e di sintesi.
La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e nell'attività svolta in vista della prova finale.

Mobilità internazionale

I programmi di mobilità destinati agli studenti promossi dall'Ateneo di Bologna in collaborazione con Atenei dell'Unione Europea e di alcuni paesi non compresi nella Unione Europea offrono l'opportunità di svolgere un periodo di studio o di tirocinio all'estero .
Consulta le informazioni sulle opportunità all'estero

L'Università di Bologna concede ai propri studenti borse di studio per effettuare un periodo di studio all'estero e preparare la tesi di laurea, o per approfondimenti successivi finalizzati alla pubblicazione di un articolo riguardante l'argomento della tesi.

Prova finale

Per il conseguimento della Laurea magistrale, lo studente deve superare una prova finale pubblica, in forma scritta e orale, con supporti di tipo cartaceo nonché, eventualmente, informatico, audiovisivo, multimediale e altro. Nella prova finale lo studente dovrà dimostrare l'acquisizione delle abilità di interpretazione critica delle fonti e la capacità di progettare, realizzare, presentare in forma orale e scritta una tesi (che consiste in un contributo originale) di lunghezza adeguata al numero di crediti formativi universitari attribuiti.
Tale tesi dovrà fornire un incremento significativo alla conoscenza di un rilevante problema storico o storico-culturale nell'ambito disciplinare prescelto), deve essere basata su una ricerca individuale anche consistente in una schedatura scientifica di fonti e documenti di interesse storico secondo le forme canoniche delle discipline.
Tale contributo originale può eventualmente essere corredato da supporti tecnologici, e deve essere elaborato in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore.
La prova finale della Laurea magistrale verrà assegnata preferibilmente in una disciplina indicata dallo studente. Tale disciplina di norma deve essere presente nel piano di studi. Il relatore della prova finale è o il responsabile didattico della disciplina o il docente con cui si è sostenuto l’esame della disciplina stessa. Lo studente può comunque far domanda al Consiglio di Corso per l'assegnazione di una disciplina esterna al piano di studi, purché coerente con gli obiettivi formativi qualificanti e specifici della laurea magistrale: in questo caso il correlatore è nominato d'ufficio dal Consiglio tra i docenti afferenti al Corso di Laurea magistrale.
La prova finale potrà comportare al suo interno lo svolgimento di un'attività di laboratorio o tirocinio, alla quale potranno essere attribuiti crediti formativi universitari non superiori a un quarto del numero di crediti complessivamente previsti per la prova finale stessa.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Conservatore (storico, archivista, bibliotecario, curatore museale)

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- analizza, identifica, classifica documenti (su vari supporti e formati, come libri etc.), manufatti artistici, reperti e resti della cultura materiale in vista della loro conservazione e della loro fruizione pubblica;
- svolge attività di studio, documentazione, ricerca, classificazione e analisi di fonti storiche originali, recupero e conservazione in diversi formati di informazioni su tradizioni, archivi, testimonianze e documentazione storica di tipologie diversificate;
- identifica i settori in cui esercitare la tutela e la messa a punto dei metodi e degli strumenti di conservazione e fruizione più adeguato al contesto, compresa la valorizzazione dei contesti di archiviazione e musealizzazione;
- elabora scritti tecnici (relazioni, progetti, documenti di lavoro, presentazioni) in accordo con lo statuto scientifico della disciplina diretti anche a specialisti di diversi settori.

Per svolgere le attività descritte è in certi casi richiesta l'acquisizione di un'ulteriore specializzazione in uno o più settori di professionalizzazione.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- possiede capacità e abilità di tipo specialistico in ambito socio-umanistico;
- identifica e classifica le fonti (storiche, iconografiche, materiali) relative al settore di sua specializzazione
- possiede la capacità di gestire e valorizzare il patrimonio (storico, documentario, artistico) di sua competenza;
- conosce almeno una lingua europea ed eventualmente una lingua extraeuropea.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Istituzioni preposte alla tutela e valorizzazione del patrimonio storico-documentale, culturale, ambientale, artistico (archivi, sovrintendenze, musei, ecc.), anche aventi per oggetto le culture occidentali e orientali.
- Enti pubblici e privati e ONG che conducono ricerche storiche.
- Società, imprese, cooperative che offrono servizi di consulenza e collaborazione per lo studio e la fruizione del patrimonio e della memoria storica.
- Archivi e musei privati di fondazioni o grandi imprese.


PROFILO PROFESSIONALE:
Redattore, editor e pubblicista

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- cura la progettazione editoriale per la stesura di cataloghi, testi illustrativi e pubblicazioni didattiche e scientifiche per produzioni teatrali, cinematografiche, televisive, telematiche in cui sia rilevante il ricorso alla documentazione di carattere storico o storico-culturale d'area;
- elabora progetti editoriali, prepara e revisiona testi sia in forma tradizionale che elettronica e cura traduzioni ed edizioni in italiano di opere a carattere storico, ricerca fonti e documenti (testuali, iconografici, multimediali e di letteratura storiografica, anche in lingua originale) utilizzabili da esperti di altri settori;
- elabora e realizza progetti editoriali per la produzione di manuali e materiale didattico e produzione di testi e materiali per l'editoria scolastica;
- redige documenti di carattere pubblicistico e giornalistico ed elabora programmi di analisi storica, politica e di temi di attualità per la società e la cultura contemporanea, anche mettendo a frutto le conoscenze acquisite sulle società rispettivamente del mondo occidentale, dell'Asia e dell'Africa.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- possiede gli strumenti culturali, linguistici e metodologici atti a favorire la comunicazione interculturale
- conosce i processi storici che hanno caratterizzato gli ambiti culturali di sua competenza
- conosce il dibattito teorico-critico relativo all'interpretazione della cultura delle aree di sua competenza
- possiede abilità di tipo organizzativo-gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato
- conosce almeno una lingua europea ed eventualmente una lingua extraeuropea.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Case editrici
- Aziende radio-televisive
- Aziende di produzione di programmi culturali per la radio e la televisione
- Aziende di produzione di contenuti per il web e prodotti multimediali.


PROFILO PROFESSIONALE:
Divulgatore e operatore didattico culturale

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- svolge attività di formazione didattica e di aggiornamento relative alle discipline
storiche o orientalistiche destinate alle diverse categorie di pubblico di strutture quali archivi, biblioteche, musei;
- organizza e gestisce eventi, manifestazioni, spettacoli e mostre;
- svolge attività di formazione didattica, aggiornamento relativi alle discipline storiche del mondo occidentale e orientale destinate alle diverse categorie di pubblico di strutture quali archivi, biblioteche, musei;
- svolge la funzione di operatore nelle aule didattiche di tali strutture;
- realizza materiali informativi e percorsi didattici anche in collaborazione con le scuole e produzione di materiali di contestualizzazione storica finalizzati alla fruizione del patrimonio culturale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- possiede specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito socio umanistico;
- possiede gli strumenti indispensabili alla comunicazione uni e bidirezionale nell'ambito culturale di specializzazione;
- conosce almeno una lingua europea ed eventualmente una lingua extraeuropea.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Enti e istituzioni pubbliche e private e del terzo settore
- Centri e associazioni culturali
- Fondazioni
- Reti televisive, radiofoniche e istituti cinematografici
- Giornali e riviste (tradizionali e web)
- Musei, archivi biblioteche (aule didattiche).


PROFILO PROFESSIONALE:
Esperto culturale d'area

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
- Progetta ed elabora i contenuti per attività di promozione culturale rivolti alla conoscenza delle problematiche storiche, culturali e linguistiche delle civiltà del mondo occidentale e dei mondi orientali e africani;
- organizza, gestisce e coordina servizi e progetti negli ambiti di riferimento (settori culturali e settori della cooperazione/ intercultura);
- organizza cataloghi e archivi di materiale documentale relativo alle civiltà occidentali e orientali anche di interesse artistico ed archeologico;
- cura cataloghi e archivi di materiale documentale, anche di interesse artistico ed archeologico, relativo alle varie civiltà;
- redige testi specialistici;
- traduce, commenta e cura testi anche dalle lingue prescelte.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- possiede conoscenze specifiche, storico e storico-culturali, sull'area di specializzazione;
- possiede gli strumenti indispensabili alla comunicazione uni e bidirezionale nell'ambito culturale di specializzazione;
- sa applicare le conoscenze relative all'area di specializzazione nei diversi settori dell'informazione (pubblicistica, manifestazioni culturali, editoria, esposizioni di carattere artistico, associazioni interculturali);
- conosce almeno una lingua europea ed eventualmente una lingua extraeuropea.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Enti e istituzioni di cooperazione internazionale, culturale ed economica, e negli Istituti di cultura italiana all'estero;
- Enti e aziende che operano nei paesi extraeuropei;
- Musei e biblioteche specializzate;
- Settori dell'intervento sociale che richiedono esperti nelle culture extraeuropee;
- Editoria specializzata;
- Giornali e riviste (tradizionali e web)
- Ricerca filologica, storica ed archeologica.


Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
Prof. Giovanni Geraci in qualità di Coordinatore delle consultazioni per il corso di Laurea Magistrale in Scienze storiche e orientalistiche, coadiuvato dal dott. Luca Bortolussi, tutor del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Storiche e dal dott. Svevo D'Onofrio, tutor del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Culture dell'Asia e dell'Africa.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
Sono state consultate:
• Settore Servizi alla persona e alla comunità - Provincia di Bologna.
• Ministero degli Affari Esteri.
• Museo d'Arte Orientale (MAO) – Torino.
• Soprintendenza archivistica – Bologna.
• Alliance française – Bologna.
• Libreria Bonomo Editrice – Bologna.
• Museo Del Risorgimento.
• Fondazione Family Care.
• Archivio di Stato – Bologna.


MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI

• Settore Servizi alla persona e alla comunità - Provincia di Bologna: consultazione avvenuta via mail fra il 10 e il 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 1, 3 e 4; sono state assegnate valutazioni estremamente positive agli obiettivi d'apprendimento proposti.

• Ministero degli Affari Esteri: consultazione avvenuta via mail in data 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 2, 3 e 4; sono state assegnate valutazioni alte per le aree d'apprendimento 1, 3 e 4, medie per l'area 2. Sono state infine espresse valutazioni estremamente positive per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

•Museo d'Arte Orientale (MAO) – Torino: consultazione avvenuta via mail in data 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 1, 3 e 4; sono state assegnate valutazioni alte per le aree d'apprendimento 2, 3 e 4, medie per l'area 1. Sono state infine espresse valutazioni medio-alte per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

• Soprintendenza archivistica – Bologna: consultazione avvenuta via mail in data 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 1 e 3; sono state assegnate valutazioni alte per le aree d'apprendimento 1 e 2 medio-basse per le aree 3 e 4. Sono state infine espresse valutazioni positive per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

• Alliance française – Bologna: consultazione avvenuta via mail fra il 16 e il 17/10/2013.
Principali contenuti: Questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata per tutte le figure professionali, in particolare la 1 e la 4. Sono state assegnate valutazioni estremamente alte sia per le aree d'apprendimento che per i rimanenti obiettivi definiti dal corso di laurea magistrale.

• Libreria Bonomo Editrice– Bologna: consultazione avvenuta via mail in data 24/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 2 e 3; sono state assegnate valutazioni generalmente medio-basse per le quattro aree d'apprendimento. Sono state infine espresse valutazioni medio-basse per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

• Museo del Risorgimento: consultazione avvenuta via mail fra il 10 e il 16/10/2013.
Principali contenuti: Questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata per tutte le figure professionali proposte, in particolare per la 4. Sono state assegnate valutazioni medio-alte per le aree d'apprendimento 1, 2 e 3; non è stata valutata l'area d'apprendimento 4. Sono state infine espresse valutazioni medio-alte per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

• Fondazione Family Care: comunicazione avvenuta via mail il 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 1, 3 e 4; sono state assegnate valutazioni medio- basse per le aree d'apprendimento 1 e 2; medio-alte per la 3 e la 4. Sono state infine espresse valutazioni medio-alte per i rimanenti obiettivi individuati dal corso di laurea magistrale.

• Archivio di Stato – Bologna: comunicazione avvenuta via mail il 25/10/2013.
Principali contenuti: questionario compilato e inviato tramite posta elettronica; in esso è attestato un interesse da parte della struttura consultata circa le figure professionali 1 e 3; sono state assegnate valutazioni medio-alte per le aree d'apprendimento 1 e 2, medio-basse per le aree 3 e 4. Sono state infine espresse poche valutazioni, generalmente positive, circa i rimanenti obiettivi formativi individuati dal corso di laurea magistrale.


DOCUMENTAZIONE
Tutto il materiale è reperibile presso la Vicepresidenza della Scuola di Lettere e Beni Culturali – sede di Bologna.

Ulteriori informazioni

E' in corso di rinnovo la convenzione tra l'Ateneo di Bologna e UNIVERSITAT BIELEFELD finalizzata al rilascio di titolo multiplo.

Contatti e recapiti utili

Ufficio didattico

Segreteria studenti