Laurea Magistrale in Geografia e processi territoriali

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2017/2018
Ordinamento D.M. 270
Codice 0971
Classe di corso LM-80 - SCIENZE GEOGRAFICHE
Anni Attivi I, II
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Sede didattica Bologna
Coordinatore del corso Carla Giovannini
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso di Studio si propone di formare le figure professionali del Geografo, del Cartografo e del Redattore specializzato, attraverso un percorso di studio che si sviluppa su tre aree di apprendimento:

-metodologie e tecniche della rappresentazione geografica: si tratta di discipline di tipo cartografico, demografico-statistico e relative alla comunicazione dei processi geografici e territoriali;

-teorie e modelli geografici: raccoglie i campi storicamente più significativi del pensiero geografico e della sua capacità di azione critica nei diversi contesti territoriali;

- materie affini di tipo storico, politico, economico, giuridico, sociologico e psicologico, necessarie per una formazione più completa di competenze geografiche per la contemporaneità e per la preparazione interdisciplinare che è caratteristica fondamentale del geografo.

Si ritiene che le aree di apprendimento possano fornire allo studente le necessarie competenze per soddisfare le esigenze delle tre figure professionali individuate come possibili sbocchi lavorativi: si tratta di tre figure che, in sintesi, richiedono tutte una preparazione interdisciplinare e trasversale e una buona capacità di interagire con gruppi di lavoro eterogenei.
La Geografia, che si pone sempre come disciplina di raccordo fra ambiti umanistici e scientifici, richiede una preparazione in campo geomorfologico, geomatico, cartografico e del telerilevamento, ma anche storico, statistico-demografico, sociologico e politico. Il Corso di Studio si propone di fornire le basi di queste discipline anche al fine di favorire una collaborazione e una apertura verso questi e altri saperi e di risolvere problemi geografici complessi, utilizzando conoscenze teoriche, dati empirici e metodologie scientifiche appropriate. Lo studente inoltre acquisirà un lessico scientifico che gli permetterà di discutere e comunicare tematiche geografiche, affrontate sempre con un approccio critico.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: METODOLOGIE E TECNICHE DELLA RAPPRESENTAZIONE
Il laureato magistrale:
- Conosce i principali sviluppi delle discipline cartografiche, geomatiche e del telerilevamento nonché i principi e gli strumenti di base della demografia e della statistica sociale.
- Conosce i processi di elaborazione e rappresentazione dell'immagine cartografica.

AREA DI APPRENDIMENTO: TEORIE E MODELLI GEOGRAFICI
Il laureato magistrale:
- conosce le tematiche e gli strumenti della Geografia umana e della Geografia economica;
- conosce le principali teorie e metodi della Geografia urbana, della geografia culturale e della geografia del turismo;
- sa interpretare i problemi che scaturiscono dalle interazioni tra i fenomeni territoriali e conosce i differenti modelli in base ai quali si è fin qui proceduto alla formalizzazione spaziale della realtà.

AREA DI APPRENDIMENTO: AREA AFFINE AGLI STUDI GEOGRAFICI
Il laureato magistrale:
- conosce le tematiche e gli strumenti delle discipline psicologiche,sociologiche, in relazione al territorio e alla sua gestione;
- conosce le principali teorie e metodi dell'analisi storica in relazione alla realtà socio-economica e politica del territorio e degli insediamenti;
- conosce i principali riferimenti normativi del diritto amministrativo con particolare riguardo alla legislazione relativa all'ambiente e all'urbanistica.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: METODOLOGIE E TECNICHE DELLA RAPPRESENTAZIONE
Il laureato magistrale:
- È in grado di utilizzare gli strumenti per la mappatura, la rappresentazione e l'analisi di un territorio;
- Sa acquisire, integrare, trattare, analizzare, archiviare e distribuire dati spaziali georiferiti con continuità in formato digitale;
- È in grado di compiere una lettura approfondita e critica del materiale infocartografico e di acquisire gli strumenti pratici per la sua autonoma produzione.

AREA DI APPRENDIMENTO: TEORIE E MODELLI GEOGRAFICI
Il laureato magistrale:
-è in grado di utilizzare i principali strumenti e metodi geografici per la comprensione critica dei fenomeni territoriali a scala locale e globale;
- sa cogliere gli aspetti e le problematiche centrali legate ai processi di urbanizzazione e alle relazioni tra scelte economiche e gestione del territorio;
- è in grado di utilizzare i modelli tradizionali e quelli più innovativi del pensiero geografico occidentale per fornire un'analisi critica dei processi territoriali in corso;
- è in grado di sviluppare progetti complessi interdisciplinari.

AREA DI APPRENDIMENTO: AREA AFFINE AGLI STUDI GEOGRAFICI
Il laureato magistrale:
- È in grado di applicare i principi e i metodi storici, giuridici, economici e sociologici alle principali dinamiche territoriali;
- Matura un forte impegno intellettuale e la capacità di usare categorie e concetti complessi in una prospettiva di lungo periodo, in ambiti culturali e geografici europei ed extraeuropei;
- È in grado di applicare le principali tecniche della psicologia e della sociologia della comunicazione interpersonale e multimediale.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- è in grado di fornire un'adeguata interpretazione diacronica e sincronica degli insediamenti umani, delle trasformazioni del territorio, delle attività socio-economiche e del rapporto tra le società umane e l'ambiente;
- è in grado di analizzare le variazioni intervenute all'interno di un paesaggio e le cause che le hanno provocate per ricostruire, attraverso la lettura e l'interpretazione del paesaggio attuale, la storia di un territorio;
- è in grado di trattare, interpretare e sintetizzare dati socio-spaziali, e applicare in modo critico i concetti di spazialità e territorialità per analizzare e di conseguenza anche progettare immagini e scenari geografici coerenti ai contesti.

L'autonomia di giudizio nello studente viene sviluppata e verificata in particolare tramite esercitazioni, seminari organizzati, esperienza di tirocinio, preparazione di elaborati, nonché durante l'attività assegnata in preparazione alla prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- possiede strumenti per l'analisi delle diverse forme di comunicazione possibili nello spazio sociale contemporaneo;
- è in grado di comunicare in modo efficace in forma orale e scritta e interloquire con precisione e appropriatezza in ambiti di diffusione specialistica e non specialistica e di intervento didattico;
- è in grado di utilizzare strumenti informatici e telematici (banche dati) inerenti alla cartografia e di rappresentare indagini attraverso sistemi di geo-infografica per una migliore comunicazione di concetti e risultati.
Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in occasione di seminari, laboratori, esercitazioni, e sono comunque verificate in occasione di ciascuna prova.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale possiede una competenza metodologica specifica e una piena padronanza delle logiche e degli usi degli strumenti informatici, delle più recenti tecniche della ricerca e elaborazione di dati statistici, della ricerca di fonti documentarie qualitative e quantitative e della progettazione di adeguate rappresentazioni cartografiche.
La capacità di apprendere viene conseguita dallo studente e verificata nel percorso di studi nel suo complesso, soprattutto nelle attività di studio individuale previsto per il superamento di ciascun esame, nella preparazione di progetti individuali e/o di gruppo e nell'attività svolta in vista della prova finale.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Geografo

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
• Il geografo studia la natura e l’uso della superficie terrestre individuando le interrelazioni fra i fenomeni fisici, naturali e antropici e le implicazioni sull’organizzazione sociale, politica, economica dei luoghi.
• Il geografo è depositario di un sapere multidisciplinare che gli permette di interpretare diverse problematiche relative al territorio e di agire su di esse. I diversi campi nei quali può intervenire sono l’ambiente naturale, quello antropizzato con le loro criticità, il contesto urbano, il contesto socio-demografico, ecc. L’ambito territoriale può essere quello locale, regionale, ma anche nazionale o globale. L’analisi viene condotta sul campo, ma spesso anche con l’ausilio dei Sistemi Informativi Geografici che permettono di condensare in cartografie o grafici le informazioni raccolte, al fine di comunicare meglio la situazione studiata e gli interventi necessari.
• Il geografo è inoltre in grado di lavorare presso case editrici che si occupano anche o soltanto di editoria geografica, come redattore di libri scolastici, scientifici o divulgativi di argomento geografico, cartografico, atlanti, ecc.
• La figura professionale del geografo si occupa di: dissesti territoriali; inquinamento, sue conseguenze sulle popolazioni, interventi per controllarlo e ridurlo; cambiamento climatico e sue conseguenze; conservazione della vegetazione e della biodiversità; calamità naturali e loro conseguenze; pianificazione urbana e del paesaggio; progetti di risanamento dei centri storici e delle periferie degradate.
• Il geografo svolge indagini sul campo in questi ambiti e prefigura interventi atti a risolvere
situazioni critiche.
• Collabora inoltre con: geomorfologi, geologi, naturalisti, climatologi, urbanisti, ed è particolarmente adeguato a coordinare un team di esperti quali quelli sopra indicati, grazie alla sua preparazione interdisciplinare che gli consente di mettere in relazione le diverse competenze finalizzandole alla tutela e alla migliore gestione del territorio.
• All’interno di una casa editrice specializzata, parzialmente o unicamente, in editoria geografica, si occupa di redazione di testi e di composizione di cartografia alle diverse scale tramite i Sistemi Informativi Geografici. Questo grazie alle competenze acquisite attraverso corsi finalizzati, laboratori e tirocini previsti nel piano di studio.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
La figura professionale:
- svolge interventi di pianificazione territoriale (urbanistica, paesaggistica, ecc.) sia in situazioni ordinarie, sia in momenti di crisi (calamità naturali o prodotte dalle attività economiche), all’interno, eventualmente, di un team di lavoro attivo presso un ente privato o un ente pubblico;
- svolge ricerche scientifiche, sia di impostazione teorica, sia applicata, su tematiche relative al territorio, al paesaggio, alla cartografia tradizionale e digitalizzata, ai Sistemi Informativi Geografici (GIS), sia per Enti di Ricerca, sia per Enti Amministrativi locali e nazionali;
- è in grado di gestire i Sistemi Informativi Geografici (GIS), al fine di elaborare dati o di produrre cartografia tematica digitale.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Enti pubblici locali e nazionali (Comuni, Province, Regioni, Organi dello Stato).
Enti privati (uffici, studi) attivi nel campo della gestione del territorio.
Enti di Ricerca pubblici e privati.
Case Editrici specializzate in editoria geografica.


PROFILO PROFESSIONALE:
Cartografo

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il cartografo organizza e trasforma varie tipologie di dati geografici in rappresentazioni grafiche come strumento di conoscenza, analisi e pianificazione.
La figura professionale del cartografo:
- si occupa di rappresentare il territorio attraverso dati acquisiti da varie fonti e con diverse modalità;
- è in grado di gestire ed elaborare banche dati e di rappresentarle in un contesto territoriale;
- collabora con topografi, geomatici, archeologi, geografi, statistici, economisti, scienziati politici per rappresentare fenomeni legati al territorio. Per acquisire maggiori capacità operative,potrebbe essere necessario frequentare master con specifiche finalità applicative.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
La figura professionale del cartografo si occupa dell'acquisizione,dell’uso e della gestione dei dati e delle risorse geografiche/territoriali al fine di produrre cartografia.
Utilizza i Sistemi Informativi Geografici (GIS) in vari ambiti (territoriali, paesaggistici, ambientali, archeologici, dei beniculturali, demografici, ecc.) come strumento di gestione del territorio.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Enti pubblici locali e nazionali (Comuni, Province, Regioni, Organi dello Stato).
Enti privati (uffici, studi) attivi nel campo della gestione del territorio.
Enti di Ricerca pubblici e privati.
Case Editrici specializzate in editoria geografica e cartografica.


PROFILO PROFESSIONALE:
Redattore specializzato

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il curatore editoriale in campo geografico è esperto nella redazione di testi di argomento geografico e ambientale.
La figura professionale del curatore editoriale:
- redige testi specializzati anche di tipo divulgativo o per l’informazione geografica, territoriale, ambientale e turistica;
- cura la redazione di materiale cartografico.

Si segnala la possibilità di approfondire il percorso formativo attraverso la frequenza di master specifici di tipo operativo nel campo della redazione di testi geografici o di prodotti multimediali.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Il redattore specializzato in campo geografico detiene specifiche competenze:
• come coordinatore e redattore, in collaborazione con altri esperti, di testi geografici (libri di testo di Geografia per le scuole di ogni ordine e grado; opere divulgative, come riviste per il turismo, l’ambiente, ecc.; atlanti geografici scolastici e specialistici)
• realizza prodotti multimediali (documentari, cartografia digitale, digitalizzazione di cartografia storica, filmati scientifici e divulgativi di argomento geografico, ecc.).
Queste competenze richiedono la capacità di operare in collaborazione con altri esperti (storici, psicologi, pedagogisti, sociologi, demografi, statistici, economisti, ambientalisti, esperti nel campo della comunicazione) acquisita dal redattore specializzato con una laurea in Geografia e Processi Territoriali durante il percorso universitario che prevede quasi tutte le discipline e le attività laboratoriali cui si è fatto cenno. Può pertanto porsi come promotore di processi partecipativi, grazie alla esperienza interdisciplinare e trasversale di cui si è avvantaggiato.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- editoria specializzata in testi geografici e opere cartografiche
- giornali e riviste
- settore editoriale, televisivo, documentario e multimediale
- istituti geografici